Alberto Nosè

Alberto Nosè ha ottenuto il suo primo riconoscimento all'età di undici anni, vincendo il Primo Premio al concorso internazionale Jugend für Mozart di Salisburgo, grazie al quale ha effettuato la sua prima tournèe in Italia, Austria e Francia.

Successivamente ha vinto numerosi premi nei concorsi internazionali più importanti: World Piano Masters di Montecarlo (1° premio nel 2015), Top of the World International Piano Competition di Tromsø (1° Premio nel 2011), Paloma O’Shea di Santander (1° Premio, Medaglia d’oro e Premio del Pubblico), F. Chopin di Varsavia (5° premio nel 2000), F. Busoni di Bolzano (2° premio con particolare distinzione nel 1999), Maj Lind di Helsinki (1° premio nel 2002), Long-Thibaud di Parigi (2° premio nel 2004), Vendôme Prize di Parigi (1° premio nel 2000), World Piano Competition di Londra (2° Premio nel 2002), L. Gante di Pordenone (1° Premio nel 2002), Premio Venezia (1° Premio all’unanimità nel 1998).

Grazie a tali affermazioni, ha iniziato una strepitosa carriera che lo ha portato ad esibirsi in Europa e in tutto il mondo, per importanti festival ed in prestigiose sale da concerto, fra le quali: Carnegie Hall di New York, Royal Festival Hall, Queen Elisabeth Hall e Wigmore Hall di Londra, Konzerthaus di Berlino, Théâtre du Châtelet e Salle Pleyel di Parigi, Mozarteum di Salisburgo, Beethoven Fest di Bonn, Liederhalle di Stoccarda, Chopin Festival di Ginevra, Summer Festival di Lucerna, Teatro Monumental and Auditorio di Madrid, Megaron di Atene, Finlandia Hall di Helsinki, Filharmonja Narodowa di Varsavia, Benaroya Hall di Seattle, Suntory Hall di Tokyo, Auditorio do MASP di San Paolo, Sala Meireles di Rio de Janeiro, Cervantino International Festival di Città del Messico, Teatro La Fenice di Venezia, Settembre Musica di Torino, Bologna Festival, Teatro Filarmonico di Verona, Teatro Verdi di Trieste, Sala Verdi, Teatro dal Verme e Auditorium di Milano, Teatro Rossini di Pesaro, Teatro Olimpico di Vicenza, Auditorium Parco della Musica di Roma.

Come camerista ha collaborato con il violoncellista Rocco Filippini, il Quartetto Ysaÿe, il Quartetto di Venezia, e come solista ha suonato con le maggiori orchestre, fra le quali: London Philharmonic, English Chamber Orchestra, Orchestre National de Lille, Orchestre Philharmonique de Radio France, Warsaw Philharmonic, Finnish Radio Symphony, Sinfonica RTVE di Madrid, Janacek Philharmonic, Orquesta Sinfonica de Tenerife, Orquesta Sinfonica de Galicia, Mexico State Symphony, Württembergisches Staatsorchester Stuttgart, Orchestra della Radio Norvegese di Oslo, Orchestra dell’Arena di Verona, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Orchestra di Roma e del Lazio. Ha collaborato con noti direttori, come Roy Goodman, Manfred Honeck, Jesus Lopez-Cobos, Enrique Batiz, Pedro Ignacio Calderon, Anton Nanut, Hannu Lintu, James Judd, Marcus Bosch, Rumon Gamba, George Hanson, Ion Marin, Josè Ferreira Lobo, Alain Lombard, Enrique Mazzola, Thomas Søndergård.

La sua discografa comprende registrazioni per le Assicurazioni Generali, per la Tau Records, per la rivista musicale francese Piano, per Radio Classica, Radio Danzica e per Radio Suisse Romande.
Nel 2006 l’etichetta Nascor-Ysaye Records pubblica un cd con musiche di Schumann e Prokofev, che riceve il premio La Clef ResMusica.com e Coup de coeur Fnac.

Nel 2008, viene pubblicato un DVD dedicato a Mozart e Beethoven per la Domovideo, realizzato in occasione del 250° Anniversario mozartiano del 2006, e trasmesso anche dal canale digitale satellitare SKY Classica. Nello stesso anno l’etichetta Naxos pubblica un cd con le Sei Sonate op.17 di Johann Christian Bach, eseguite sul pianoforte moderno, che riceve il premio “CHOC du Monde de la Musique” e “4 Diapason Superbe” e trasmesso in tutto il mondo, da Radio France, BBC 3, Radio 4 Netherland, Radio New Zealand, ABC Classic FM USA e Australia.

E’ regolarmente invitato come giurato in importanti concorsi pianistici nazionali ed internazionali, come il F. Chopin di Varsavia.

Alberto Nosè si è formato al Conservatorio “F. E. Dall'Abaco” di Verona con Laura Palmieri e Virginio Pavarana. Ha proseguito gli studi con i Maestri Franco Scala, Boris Petrushansky e Leonid Margarius all’Accademia Pianistica Internazionale Incontri col Maestro di Imola presso la quale ha ottenuto il Piano Master nel 2005. Ha inoltre preso parte alle masterclass di Maurizio Pollini, Murray Perahia, Andrej Jasinski, Michael Dalberto, Louis Lortie, Michael Beroff, Alexander Lonquich, Arie Vardi, Fou Ts'ong, Karl-Heinz Kämmerling, Alfons Kontarsky e Paul Badura-Skoda. 

Federico Colli

Riconosciuto a livello internazionale per le sue vibranti interpretazioni e per la sua tecnica impeccabile, il pianista italiano Federico Colli ha ricevuto elogi e ottime recensioni al suo primo album edito da Chandos Records nel maggio 2018: ‘Non si può non rimanere meravigliati dalla purezza e dalla qualità del suo suono – i suoi trilli sono paradigma di vivacità, le sue note ripetute suonano assurdamente facili, mentre la padronanza delle dinamiche estreme non è seconda a quella di nessuno’, così è stato scritto sulla rivista Grammophone a proposito dell’album dedicato alle Sonate di Scarlatti; ‘La delicatezza di Colli…è miracolosa’ ha fatto eco il Times in una recensione premiata con cinque stelle.

Federico Colli si è imposto all’attenzione internazionale dopo aver vinto il Primo Premio al Concorso Mozart di Salisburgo nel 2011 e la Medaglia d’oro al Concorso Pianistico Internazionale di Leeds nel 2012. Da allora si è esibito con orchestre del calibro di Orchestra Mariinsky, Filarmonica di San Pietroburgo, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Orchestra della Toscana, Camerata Salzburg, Orchestra Nazionale della Radio polacca, RTÉ National Symphony e Orquestra Sinfônica Brasileira, in sale da concerto rinomate quali il Musikverein e la Konzerthaus di Vienna, la Konzerthaus di Berlino, la Herkulessaal di Monaco, la Laeiszhalle di Amburgo, la Salle Cortot di Parigi, il Concertgebouw di Amsterdam, l’Auditorium Parco della Musica di Roma, il Rudolfinum di Praga e la Nikkei Hall di Tokyo. Nel solo Regno Unito si è esibito con la Philharmonia Orchestra, la BBC Symphony, la Royal Scottish National Orchestra, la Royal Liverpool Philharmonic e la Hallé Orchestra in sale quali Barbican Centre e Southbank Centre di Londra, Royal Concert Hall di Glasgow e Usher Hall di Edimburgo. 

Federico Colli ha collaborato con rinomati direttori d’orchestra quali Valery Gergiev, Yuri Temirkanov, Vladimir Ashkenazy, Vasily Petrenko, Juraj Valčuha, Thomas Søndergård, Sakari Oramo, Alan Buribayev, Joji Hattori, Jasper Kaspszyk, Alpesh Chauhan, Sir Mark Elder e Dennis Russell Davies.
 

I suoi concerti sono stati trasmessi su emittenti tra cui BBC Radio 3, RAI Radio3, Mariinsky TV, Polish National Radio e ORF Austria.

La stagione 2018/19 vede il debutto con gli Hamburger Symphoniker diretti da Ion Marin e con la Deutsche Staatsphilharmonie Rheinland-Pfalz diretta da Lukasz Borowicz, oltre a nuove collaborazioni con la Philharmonia Orchestra (Andrew Nethsingha) e le Orchestre Filarmoniche Janáček e di Rijeka. Si esibisce per la prima volta in recital a New York (Lincoln Center), a Berlino (Konzerthaus), ad Amsterdam (Concertgebouw) e a Seoul (Kumho Art Hall); altri debutti importanti includono quello alla Wigmore Hall, al Festival pianistico di Lucerna e negli Stati Uniti insieme alla Stamford Symphony Orchestra. la stagione si è aperta con i concerti alla Royal Albert Hall e al Festival di Ravinia.

Federico Colli registra in esclusiva per ‘Chandos Records’, etichetta con cui ha pubblicato il primo disco incentrato sulle Sonate di Domenico Scarlatti nel maggio 2018, a cui farà seguito un disco con musiche di Bach e Bach-Busoni previsto in uscita nel 2019. 

In occasione del suo debutto alla International Piano Series del Southbank Centre nell’aprile 2014, è stato pubblicato il CD di debutto di Federico Colli, prodotto da ‘Champs Hill Records’, con musiche di Beethoven, Scriabin e Mussorgsky. 

Nato a Brescia nel 1988, ha studiato al Conservatorio di Milano, all’Accademia Pianistica Internazionale di Imola ed al Mozarteum di Salisburgo sotto la guida di Sergio Marengoni, Konstantin Bogino, Boris Petrushansky e Pavel Gililov.

Nel 2011 ha ricevuto un ‘Grosso d’Argento’ dal sindaco della sua città natale, Brescia, come riconoscimento dei suoi traguardi artistici. Nel 2014 Federico Colli è stato selezionato dall’International Piano Magazine come uno dei ‘30 pianisti sotto i 30 anni che domineranno il mondo musicale negli anni a venire’.

Alessandro Deljavan

“Che piacere ascoltare un musicista così carismatico!”

“Ha suonato con fuoco ed autentica passione….con un tono aereo che sembrava baciato dal sole!”

“Che scoperta abbiamo fatto con questo pianista!”

Il tono entusiastico delle recensioni al “Van Cliburn” nel 2009 e 2013 ove Deljavan si è aggiudicato i premi della giuria “John Giordano” e “Raymond E. Buck” , confermano il carisma e il talento di uno dei più interessanti interpreti della sua generazione.

Alessandro incide il suo primo CD live all’età di 10 anni per la Comunità Svizzera italiana in occasione di un recital per l’Università “G. D’annunzio” di Pescara ed a 16 in studio per la Stradivarius, presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, in duo con il clarinettista Michele Naglieri .

In oltre 15 anni di attività concertistica , è stato applaudito nei maggiori palchi di tutto il mondo: Austria , Italia , Belgio , Corea , Francia , Germania , Colombia , Slovacchia , Polonia , Grecia , Svizzera , Russia , Stati Uniti, e le sue performance hanno sempre riscosso favori di pubblico e critica in prestigiosi teatri quali “La Fenice” di Venezia, “Serres D’Auteuil” di Parigi , “Gasteig” di Monaco , “Teatro Colbsussidio” di Bogotà Colombia, “Teatro Mariinskij” di San Pietroburgo.

Appassionato interprete anche del repertorio contemporaneo, è stato invitato ad eseguire più opere del compositore polacco-belga Piotr Lachert in diversi festival musicali in Polonia nel 2008.

Nello stesso anno si è anche esibito a Monaco, suonando due prime mondiali a lui dedicate.

 

Dal 1993, ha frequentato numerosi corsi di “Alto perfezionamento” e “Master classes” presso il Mozarteum a Salisburgo, il Festival delle Nazioni a Città di Castello, la “Fondazione Ottorino Respighi” sull’isola di S. Giorgio a Venezia, con maestri di fama internazionale.

Sensibile camerista, ha suonato con gruppi celebri quali il Takacs Quartet ed i Sine Nomine Quartet. Nel 2006 ha suonato e diretto l’Orchestra Sinfonica G.Verdi di Milano in occasione dell’integrale dei concerti di Mozart.

Da 4 anni è membro del Duo nato dalla collaborazione con la violinista Daniela Cammarano.

 

Deljavan è tra i sei giovani artisti selezionati che frequentano l’Accademia Pianistica Internazionale del Lago di Como, tra le più prestigiose al mondo, presso la quale incontra periodicamente Dimitri Bashkirov, Laurent Boullet, Fou Ts’ong, Dominique Merlet, John Perry, Menahem Pressler, Andreas Staier. Si sta specializzando nel frattempo con il direttore artistico dell’Accademia stessa, William Grant Naborè.

Nel 2005 è stato premiato al “Gina Bachauer Young Artists Competition” a Salt Lake City (primo italiano nella storia della competizione), ed al Concorso Internazionale “Johann Nepomuk Hummel” a Bratislava dove gli hanno assegnato il “Premio per la migliore esecuzione del brano contemporaneo”.

 

Nel 2010 vince il secondo premio al Concorso internazionale “Isang Youn” in Corea del Sud.

 

Ha registrato per Brilliant Classics, Naxos , Stradivarius , OnClassical, Piano classics, opere di Alkan, Brahms, Busoni, Cramer, Satie, Schubert, Schumann, A. Rubinstein.

 

Nel 2011 è stato fra i protagonisti. con Kissin, Pappano, Rosen, di un film su Liszt prodotto dalla Rai e trasmesso su Rai 3 e Sky Classica.

 

Tiene regolarmente corsi di perfezionamento pianistico e di musica d’insieme in Italia e all’estero .

 

Insegna pianoforte principale al Conservatorio “E. R. Duni” di Matera.

Alexander Romanovsky

Descritto da Carlo Maria Giulini come “un pianista di grande talento”,  Alexander Romanovsky è un pianista affascinante e sottile con una voce del tutto coinvolgente.

 

Nato in Ucraina nel 1984, all'età di tredici anni si trasferisce in Italia, dove studia all'Accademia Pianistica di Imola con Leonid Margarius che Alexander Romanovsky considera la figura più influente nella sua vita musicale. Nel 2009 consegue l'Artist Diploma presso il Royal College of Music di Londra, studiando con Dmitry Alexeev. All'età di diciassette anni, vince il Primo Premio al prestigioso Concorso Busoni a Bolzano.

 

Definito dal New York Times  “speciale, non solo possiede una tecnica straordinaria e la creatività nei colori e nella fantasia, ma è anche un musicista sensibile e un lucido interprete” Alexander è ospite di molti palchi tra i più prestigiosi al mondo, per citarne alcuni la Sala principale del Concertgebouw di Amsterdam, la Sala Grande del Conservatorio di Mosca, le sale Asahi e Kioi di Tokyo, il Teatro Municipal a Santiago del Cile, la Sala Verdi al Conservatorio di Milano e la Sala Santa Cecilia del Parco della musica di Roma; ha inoltre suonato con la Swedish Radio Symphony Orchestra diretto da Valery Gergiev.

 

Romanovsky si esibisce regolarmente con le maggiori orchestre in Europa, Asia e nelle Americhe, tra cui le orchestre inglesi Royal Philharmonic, English Chamber, Hallé e Bournemouth Symphony Orchestra, in Italia con l'Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e la Filarmonica della Scala; con l’orchestra del Teatro Mariinsky e l’Orchestra Nazionale Russa, con la NHK Symphony  Orchestra, con la New York Philharmonic al Bravo! Vail Festival e la Chicago Symphony al Ravinia Festival; collabora con direttori quali Vladimir Spivakov, Valery Gergiev, Mikhail Pletnev, Sir Antonio Pappano, Gianandrea Noseda, James Conlon, Krzysztof Urbanski e Diego Matheuz.

 

Nella stagione 2017-18 Alexander continua a esibirsi in tutta Europa, con recital in locali come il Concertgebouw ad Amsterdam, la Casa da Música a Porto, Salle Gaveau a Parigi, Maag MusicHall a Zurigo, Conservatorio G. Verdi a Milano, Tchaikovsky Concert Hall a Mosca, così come la International Piano Series di Friburgo. Apparirà anche come solista nelle Americhe con l'Orchestra Sinfonica Nazionale Costa Rica, l'Orchestra Sinfonica di Caracas in Venezuela e le Sinfonie del Pacifico e Santa Barbara negli Stati Uniti.

 

Alexander si esibisce in tutta Italia, dove ha vissuto fin dalla prima infanzia. Nel 2007 è stato invitato a tenere un concerto presso la Residenza papale alla presenza di Papa Benedetto XVI in occasione del 110° anniversario della nascita di Papa Paolo VI.

 

Dal 2007, ha pubblicato cinque album acclamati dalla critica su Decca: Beethoven: Diabelli Variations, Brahms / Schumann, Rachmaninov: Etudes-Tableaux e Corelli Variations, Rachmaninov: Piano Sonatas, e più recentemente Childhood Memories. Alexander Romanovsky ha ricoperto la carica di direttore artistico del Concorso pianistico internazionale Vladimir Krainev di Mosca dal 2014.

Valeria Serangeli

Valeria Serangeli , primo clarinetto solista dell’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova dall’ età di 26 anni, compie gli studi musicali al Conservatorio “O. Respighi” di Latina e al Conservatorio “N. Paganini” di Genova. Si perfeziona all’Accademia Internazionale “L. Perosi” di Biella con Antony Pay e all’Accademia del Teatro alla Scala di Milano, specializzandosi sul clarinetto piccolo in mib, con Denis Zanchetta.

E’ vincitrice di numerosi concorsi nazionali (L. Savina di Caserta, V. Di Lena di Segni, Colleferro) e borse di studio  (Fondazione Bruno-Frey, Ochsenhausen, Germania). Ha collaborato con molte grandi orchestre, sia in veste di Primo Clarinetto che come Clarinetto Piccolo: l’Orchestra del Teatro alla Scala, la Filarmonica della Scala, l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “A.Toscanini” e la “Filarmonica Toscanini” di Lorin Maazel, con cui ha partecipato alle turneè nelle più importanti sale da concerto di tutto il mondo.

Chiamata dal Maestro Daniel Oren a ricoprire il ruolo di Primo Clarinetto nell’Orchestra del Teatro Giuseppe Verdi di Salerno, ha partecipato al Concerto di Natale 2011 al Senato della Repubblica Italiana, trasmesso in Eurovisione dalla Rai e diretto dallo stesso Maestro Oren; ancora, su invito personale di Giovanni Allevi, e’ stata Primo Clarinetto della All Stars Orchestra nel concerto del 1 settembre 2009 all’Arena di Verona, edito in CD e DVD dalla Sony.

Nella Stagione 2013/2014 del Teatro Comunale di Vicenza e’ solista nell’esecuzione del Concerto per clarinetto e orchestra di Aaron Copland sotto la bacchetta di Giampaolo Bisanti, concerto poi replicato al Teatro Carlo Felice di Genova in diretta Streaming con l’Orchestra del Carlo Felice e la direzione dello stesso Bisanti.

Ha tenuto Masterclass al Conservatorio Pedrollo di Vicenza, al Conservatorio Paisiello di Taranto, “Masterclass in Italy” in collaborazione con il Conservatorio del Lussemburgo, Festival Federico Cesi – Summer College ed è docente del Corso Annuale di clarinetto presso la Civica Scuola delle Arti di Roma.

E’ regolarmente invitata al Festival Internazionale “Il Mondo del Clarinetto” ed ha partecipato al ClarinetFest 2013 ad Assisi.

Valeria Serangeli e’ un’artista Backun e EGR Ligatures.

Daniele Orlando

Allievo di Denes Szigmondy - discendente della celebre scuola di Zino Francescatti e Carl Flesch - Daniele Orlando si è in seguito perfezionato con Ana Chumachenco e Boris Kuschnir.

A soli 17 anni ha debuttato come solista con il Concerto di P. I. Tschaikowsky diretto da Donato Renzetti che ha scritto di lui : “...dotato di una straordinaria musicalità e di una tecnica virtuosa, il Concerto da lui suonato è stato esemplare sia dal punto di vista tecnico che nel temperamento dimostrato....credo senza ombra di dubbio che Daniele Orlando sia una delle scoperte più importanti tra le nuove generazioni di solisti.”

Ha eseguito, fra gli altri, i Concerti di L. van Beethoven, J. Sibelius, F. Mendelssohn, G. F. Ghedini (“Il Belprato”), la Sinfonia Concertante e l'integrale dei lavori per violino e orchestra di Mozart e Mendelssohn; l'integrale dei Concerti Brandeburghesi in veste di direttore e solista al Ravello Festival, il concerto grosso di Bakalov e una memorabile esecuzione delle Stagioni di Vivaldi alla Philharmonie di Berlino.

Ha tenuto concerti da solista e in formazioni da camera negli Stati Uniti, in America Latina, in Russia, Germania, Francia, Romania, Repubblica Slovacca, Portogallo, Grecia, Irlanda e Svezia, collaborando con artisti quali Krzysztof Penderecki, Bruno Canino, Antonio Anselmi, Ramin Bahrami, Alessandro Carbonare, Michele Campanella. Con Giovanni Sollima ha eseguito il doppio concerto di Donizetti per la festa della Repubblica Italiana in diretta TV RAI 1 dal Salone dei Corazzieri del Quirinale.

Ha al suo attivo numerose incisioni discografiche per etichette quali Fuga Libera, Naxos, Tactus e Brilliant Classics.

E’ stato membro della Gustav Mahler Jugend Orchester, della European Union Youth Orchestra e dell' Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado.

Dal 2014 è violino di spalla de I Solisti Aquilani e dal 2017 collabora con l'Orchestra di Padova e del Veneto in qualità di spalla.

Nell' ambito della musica contemporanea ha eseguito numerose composizioni, molte delle quali in prima esecuzione assoluta. Fra queste, il "Concerto per due violini e orchestra" di Lasse Thoresen eseguito con l'orchestra del Teatro dell'Opera Di Roma in diretta su Radio 3 e molte delle composizioni di Diego Conti, che ha a lui dedicato "Edging" per violino solo e i "20 duetti" per due violini.

E' docente di violino presso il Conservatorio “U. Giordano” di Foggia. Suona un Giovan Battista Ceruti del 1805. 

Elena Cecconi

Diplomata in Italia con il massimo dei voti con A.Pucello, ha seguito i corsi a Salisburgo con K.H.Zoeller, e si è poi perfezionata con W.Schulz presso la Hochschule für Musik di Vienna. Vincitrice di numerosi Concorsi come Palmi, Caltanissetta, presso Orchestre Sinfoniche e Liriche e quello Internazionale dell'Orchestra Sinfonica dalla Galiçia (Spagna), è stata Primo Flauto Solista dell'Orchestra Sinfonica Siciliana ed ha poi collaborato come Primo Flauto  con  La Fenice di Venezia, "Toscanini" di Parma, Teatro Olimpico di Vicenza.

Come solista ha suonato diretta da Maestri quali G.Ferro, H.Soudant, M.Boder  U.B.Michelangeli ed altri,  con importanti Orchestre esibendosi in molte città  e famose sale italiane e  straniere, come in Germania, Austria, Norvegia, Francia, Albania, Grecia, Svizzera, Polonia, Turchia, Russia, Spagna, Giappone, Brasile, Argentina, Costarica, Thailandia, Hong Kong-China, Stati Uniti. Nel 1996 ha fondato l'Ensemble "La Variazione" con tournées in Italia, Svizzera, Giappone, Stati Uniti. Inoltre ha fondato il SoulSight duo con il violoncellista Domenico Ermirio e fa parte del progetto “Il Cuore che pensa” con il piano duo Biondi-Brunialti, e Laura Trimarchi e Carmen Pupillo, attrice e vocalist, con tour in Europa ed Hong Kong. Ha in attivo incisioni discografiche internazionali 5 stelle, come solista per Edipan, Ricordi, Bayer Records, Clarinet Classics,Talent Records, Tactus Records, Brilliant, La Bottega Discantica, Urania records. Elena è titolare della Cattedra di  Flauto al Conservatorio N. Paganini di Genova, dove inoltre dirige e coordina The Joyful Flute Ensemble, da lei fondato, ed ha tenuto MasterClasses presso altri Conservatori e presso Valtidone International Summer Camp-Italia, Assisi UmbriaEstate, Lurisia Terme. Elena collabora con il Festival Gazzelloni di Roccasecca. Ha tenuto Masterclasses e recitals in Turchia, Grecia e presso la Hochschule für Musik "F. Liszt"  a Weimar, Musik Akademie di Osnabrück  (Germania), l'Accademia Musicale di Cracovia ed il Conservatorio Superior de Alicante, Valencia, La Coruña,  Las Palmas de Gran Canaria - Spagna; Conservatorio Superiore di Lisbona, Universita di Aveiro - Portogallo. Tiene Master Classes e  Recitals presso Università in Europa, Sudamerica ( Brasile, Argentina, Costarica), Stati Uniti. Partecipa a numerosi Flute Festival e Convention Internazionali come guest artist. Elena ha fatto parte della Giuria al Mozart International Competition di Berlino ed al Concorso Internazionale Rospigliosi

Elena Cecconi fa parte dei Donatori di Musica ed è Dama Magistrale dei Cavalieri di Malta. Elena suona un flauto Haynes d'oro 14 K appartenuto a Severino Gazzelloni.

Fabio Federico

Fabio Federico è nato a Rossano l’ 8 ottobre del 1974, si è diplomato a 20 anni, presso il Conservatorio “Stanislao Giacomo Antonio” di Cosenza sotto la guida del Maestro Pietro Morelli. Ha seguito corsi di perfezionamento sul repertorio tenuti da illustri esponenti del panorama chitarristico mondiale tra i quali : Angelo Gilardino, Tilman Hoppstock, Maurizio Colonna e Luigi Biscaldi. Nel 1998 si è diplomato presso l’Accademia Internazionale di alto perfezionamento “Lorenzo Perosi” di Biella, sotto la guida del chitarrista-compositore Angelo Gilardino, riportando la menzione di eccellenza. Si è specializzato nel repertorio del 900’ novecento sotto la guida del maestro Lucio Matarazzo presso il Conservatorio di Avellino conseguendo la laurea di II livello.


E’ stato ospite in numerose trasmissioni televisive, ha registrato alcune colonne sonore per il piccolo schermo ed ha eseguito svariate dirette radiofoniche in diretta nazionale in molti Paesi proponendo spesso programmi di compositori Italiani del 800’ e del 900’ contribuendo all’ innovazione e all’ approfondimento del repertorio chitarristico. Attualmente suona e tiene Master all’ estero in vari paesi (Germania, Polonia, Australia, Stati Uniti, Guatemala, Venezuela, Hong Kong, Cina, Canada, Danimarca, Svezia, Svizzera, Finlandia e Francia) ed è ospite regolare in varie rassegne concertistiche e festival in Italia ottenendo ovunque consenso di pubblico e critica. Ha vinto numerosi premi in importanti concorsi nazionali e internazionali per chitarra, tra cui il Benvenuto Terzi di Clusone (Bergamo), il Concorso Internazionale di chitarra di Lagonegro, il XIII Concorso Nazionale città di Parma, il XIV Concorso Internazionale Nicola Fago di Taranto, il Concorso Internazionale Emilio Pujol di Sassari, il Concorso Nazionale città di Castelfidardo.


Nel 2005 ha avuto inizio la sua produzione discografica con il compact disc “Estudios” (Ethnoworld © 2005) attualmente in distribuzione. Ha registrato per la rivista Sei corde e per la casa discografica Suonare records l’ integrale delle opere del compositore romantico Giulio Regondi in esclusiva mondiale. Ha registrato per la dot Guitar un CD sulle musiche dell’ 800 chitarristi “800 Guitar Works vol.1” e un CD sul 900 “ Twentieth Century Guitar Sonatas”

..He is Guitarist of guitarists

Business Today, USA

…uno dei virtuosi più interessanti del nuovo panorama chitarristico nazionale.

Guitar Club

…negli studi di Gilardino l’esuberanza tecnica del musicista calabrese primeggia e restituisce il testo nella sua forza espressiva…

Sei Corde

Maurizio Colonna

Maurizio Colonna, nato a Torino nel 1959, è considerato unanimemente uno dei più grandi chitarristi classici del nostro tempo. Ha iniziato a suonare la chitarra a cinque anni, a sette ha debuttato in teatro come solista, e a diciassette ha suonato il Concierto de Aranjuez, per chitarra e orchestra, accompagnato dall’Orchestra da Camera dell’Angelicum di Milano, in presenza di Joaquin Rodrigo.

Chitarrista-compositore tra i più rappresentativi ed eclettici di oggi, Colonna è autore di libri storico-musicali e di tecnica chitarristica (F. Muzzio Editore) presenti, tra l’altro, nelle biblioteche delle più importanti università europee e americane. Ha scritto numerose composizioni per chitarra (Ed.Bèrben, Ed. Kramer-Emi, Ed. Panarecord, Ed. Playgame – Carisch, Ed. Carisch-Machiavelli, Ed. Curci), per chitarra e pianoforte, composte insieme alla pianista-compositrice Luciana Bigazzi (Ediz. Bèrben, Ed. Carisch – Machiavelli) e   ha   realizzato  musica   da film (Roma,

Los Angeles, Hollywood, Torino) di cui è stato interprete principale. Varie sono le sue opere discografiche (Panarecord, Palladium-Ricordi, Sarx, Playgame-Carisch, Nìccolò-Stradivarius, Libera-Edel, NCM-Egea), in alcune delle quali è accompagnato, oltre che da formazioni orchestrali, da solisti internazionali quali l’ex Weather Report Alex Acuña, Paulinho Da Costa, Abraham Laboriel e la sezione fiati degli Earth, Wind & Fire.

Ha assunto la co-direzione editoriale della Christmas Songs Collection (Ediz.Bèrben), collana dedicata alle carole natalizie di tutto il mondo, in cui sono presenti versioni personalissime realizzate da noti musicisti di oggi. Ha realizzato video solistici e in duo con il chitarrista australiano Frank Gambale, con cui ha aperto uno spazio significativo nell’ambito dei nuovi linguaggi chitarristici e della didattica musicale (cd e video Playgame-Carisch, Libera–Egea, Libera-Edel). E’  stato   più   volte  ospite  in  trasmissioni televisive  della Rai Radiotelevisione Italiana (anche in Eurovisione, con l’ “Adagio” del Concierto de Aranjuez, nel Festival di Venezia del 1981), di altre emittenti europee e in numerosi festival internazionali, suonando in vari Paesi del Mondo.

Tra i premi ricevuti si ricordano il Premio Speciale, conferito dall’Ente Nazionale dello Spettacolo, in occasione del IX Festival Colonna Sonora (Roma, 23 Luglio 1991) e il Premio Internazionale dello Spettacolo – Fiuggi 1991 (sezione Musica), conferito nella manifestazione Fiuggi Platea Europa.

L’unicità del suo ruolo, nel panorama musicale contemporaneo, è ancor più confermato da alcune performances che assumono il significato di veri e propri eventi culturali:

porta la chitarra classica nella Basilica romana di San Giovanni in Laterano, interpretando il suo Notturno nella versione per Chitarra e Orchestra, accompagnato da membri dell’Orchestra Sinfonica di Santa Cecilia in occasione del “Primo Concerto di Natale in Vaticano” (13 Dicembre 1992); suona, nel 1995, per il Presidente della Repubblica Italiana, nella Sala Consigliare del Quirinale (Roma) e il 21 Giugno dello stesso anno, proprio in Piazza del Quirinale, è ospite solista di “Concerto per un Amico”, concerto a fini umanitari, organizzato dal Sermig, (ripresa televisiva Rai Due), che vede insieme artisti di fama mondiale, accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Amit di Roma, diretta da Renato Serio.

È il primo chitarrista classico, nella storia della televisione italiana, ad essere ospite, il 19 Febbraio 1996, del “Festival di Sanremo”, facendo conoscere così, a milioni di telespettatori, la spettacolarità del suo chitarrismo (in tale occasione esegue Panarea, una sua composizione virtuosistica per chitarra sola); nel Settembre 1997 è invitato in occasione delle manifestazioni celebrative del “23° Congresso Eucaristico” e suona nello Stadio Comunale di Bologna (diretta televisiva Rai Uno); nel Febbraio 2009 suona le sue composizioni a Londra nella manifestazione concertistica “The new italian instrumental music” organizzata dall’Italian Cultural Institute in London; il 2 giugno 2012 è ospite all’interno dell’evento televisivo, in Mondovisione (RAI Uno), “One world, One Family, One Love”, con la presenza di Papa Benedetto XVI; il 30 Marzo 2013   suona   nel   Duomo  di   Torino,   in Mondovisione  (RAI Uno),    in occasione   dell’ “Ostensione Straordinaria della Sindone per la Televisione”; il 13 Novembre 2014  suona   a   Hong Kong,  in  duo  con  Luciana Bigazzi,  dove  presenta  per  la  prima volta la sua musica allo Sheung Wan Civic Centre - Theatre.

Nel 1997 la Bmg-Ricordi pubblica un libro su di lui e le sue opere, intitolato Oltre la tecnica, in cui l’autrice, Lorenza Cristina Sianesi, affronta non solo argomentazioni musicali ma esplora sociologicamente l’idea che Colonna ha del musicista classico contemporaneo. Il 5 Gennaio 2000 (differita televisiva 6 Gennaio 2000 – Rai Uno, Rai International) è ospite del Monastero di Santa Chiara a Napoli, in duo con Luciana Bigazzi, per l’appuntamento televisivo del Concerto dell’Epifania, con due interpretazioni per chitarra, pianoforte e orchestra. L’anno successivo, in duo con Frank Gambale, è ospite per la seconda volta all’interno della stessa cornice partenopea.

Dal 2000 ad oggi ha intensificato la produzione compositiva e si è impegnato in docenze di alto perfezionamento musicale in varie Accademie musicali. Nel Marzo 2005, per la seconda volta, è ospite del “Festival di Sanremo”, con la cantante italiana Antonella Ruggiero e Frank Gambale. È del Maggio dello stesso anno il CD “Colonna & Gambale live” (Libera-Egea), presentato nel tour estivo 2005. Nel 2006 contribuisce a fondare il marchio NCM-New Classic Music per il quale ha pubblicato, nello stesso anno, il proprio cd antologico “Guardando il mare” (Egea Distribution) e ha prodotto i cd di Luciana Bigazzi (Egea Music Distribution): “Lacoste–Works for Piano”(2006), “Passages–Works for Piano” (2008), “Magical Places-Works for Piano” (2010) e “Full Moon for Piano” (2014). Del Maggio 2007 è il cd “Bon Voyage”, realizzato in duo con Frank Gambale, nell’ambito del progetto artistico “Colonna & Gambale” (Libera/Edel),  presentato in India (concertisticamente e televisivamente) nell’Ottobre 2007. Nel Dicembre 2008 pubblica l’album live: “Rock Waves-Electric Dreams of a Classical Guitar Player” (NCM – PKP Music inc.) nel quale interpreta, attraverso una sua rilettura, alcuni dei più noti brani del rock mondiale. Il cd “The Secrets Of The Soul” (NCM–EGEA Distribution), del 2011, vede la chitarra protagonista accompagnata da un ensemble acustico ed elettronico: è il frutto di un lungo periodo di ricerca creativa, segnato anche da riflessioni che vanno oltre la dimensione musicale. Sono, in duo con Luciana Bigazzi, i cd live “Reflections in the night – Live in London, for piano and guitar” (NCM-EGEA Distribution) (2012), “Christmas, for guitar and piano – Live” (NCM-EGEA Distribution) (2012), e “Live in Hong Kong, for guitar and piano” (NCM-EGEA Distribution) (2015).

Del 2016 è il volume “25 Pop Studies for guitar” (Ed. Curci), con cd allegato, seguito nel 2018, dal volume “Pop Studies for guitar - Second Series (26-50)” (ed. Curci), con cd allegato, e dal volume “12 Pop Duo for two guitars” (Ed. Curci), con cd allegato. Alla fine del 2018 esce il cd live, in duo con Luciana Bigazzi, “RETURN TO HONG KONG for guitar and piano” (NCM/EGEA Distribution). Colonna è testimonial ufficiale del marchio americano “La Bella” (con una muta di corde intitolata “Professional Series Maurizio Colonna”).

Please reload

CONTACT US

  • Grey Facebook Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Instagram Icon

Via Mantova 6, 47838, Riccione (RN)​

Tel: +39.366.2090374 [dal Lunedì al Giovedì dalle 13 alle 14 / Anche tramite whatsapp]

Email: info@spaziotralerighe.it

C.F. 91166730407


Contatti Astri Summer Academy:
Email: academy@spaziotralerighe.it
Tel: +39.329.0799134

 

© ASTRI-Spazio Tra le Righe
All Rights Reserved